E’ inutile chiudere i confini. Bisogna aprire le menti.

#mastropensiero

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a

    • Salve, scusami se ti rispondo con un po di ritardo! Ho letto l’ articolo ma non spiega in modo specifico il perchè non è stata fatta più quella gita, le motivazioni sono molto generiche.Ok, si i non cattolici, ma che vuol dire? Metti che in quella classe c’ erano testimoni di geova?Atei convinti. Attenzione a tirare subito facili conclusioni.

      • Redazione A.P. ha detto:

        Buongiorno Andrea. Scusa se sono stata un po’ dura ma parlo per esperienze vissute e, come me, altri sono un po’ stanchi di queste imposizioni. Non credo che si tratti di atei o testimoni di Geova perché ci sono sempre stati e durante l’ora di religione, ad esempio, uscivano fuori senza sentirsi screditati. Al contrario accade con i musulmani. Fatto sta che Arte è Arte. Io farei conoscere tranquillamente le usanze e le tradizioni di altre religioni perché deve essere libera di scegliere. Ciò non accade nel loro caso 😦

      • Guarda sono d’ accordo con te sull’ arte ma eviterei di generalizzare. Io per esempio avevo dei compagni di classe che ad alcune gite, vedi gite in chiese,cattedrali o luoghi di culto non venivano ed erano testimoni di geova. Penso che stia tutto nella famiglia, nei genitori e sopratutto quanto i genitori siano ben inseriti nella società!!

      • Redazione A.P. ha detto:

        Il problema è proprio questo: molte di queste persone non vogliono integrarsi davvero e restano con la loro gente 😦

      • Aspetta, magari loro nn si vogliono integrare ma vedrai che per forza di cose, i figli, se la scuola e gli altri attori sociali lavorano bene si integreranno automaticamente. Saranno i figli a dire ai genitori basta. Basta che le nostre istituzione facciano la loro parte e tutto diventa automatico.

      • Redazione Anto ha detto:

        Non credo. Forse al su di perché sono pochi ma al nord non so se accadrà. Una mi amica che vive in provincia di Milano ha dovuto iscrivere la figlia ad una scuola elementare paritaria (suore) perché nella pubblica non festeggiano la festa del papà, della mamma, Natale e di conseguenza non fanno il presepe.
        Se loro vogliono integrarsi devono accettare le nostre tradizioni, siano musulmani, atei, buddisti ecc.
        E non sono una cattolica praticante.
        Buona giornata e grazie mille per il tuo interessante commento Andrea.

      • Grazie per la piacevole chiaccherata, fa sempre bene confrontarsi. Ciao a risentirci.

      • Redazione Anto ha detto:

        Grazie a te 🙂
        Buona serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...