Le minoranze salveranno questo paese

Avrei voluto parlare di altro.                                                                                                           Di come, ad esempio, in questo tempo di crisi ci si rapporta col più nobile dei sentimenti, l’ amore. Invece da un po di tempo sono caduto in uno strano stato mentale, una sorta di misantropia sociale, che mi  fa vedere tutto ciò che mi sta attorno sotto un altro punto di vista.

Nelle scorse settimane sono avvenuti tre eventi che personalmente mi hanno scosso parecchio. Il pestaggio di un richiedente asilo politico, un incidente sul lavoro e un caso di sfruttamento della prostituzione con l’ aggravante che tra le malcapitate vi era anche una disabile psichica. Ma la cosa che mi ha lasciato senza parole e inorridito è stata la reazione della gente, sopratutto sul caso del richiedente asilo. Ho potuto notare come la gente, in larga parte, sia totalmente priva di buon senso.

La mia città, quella città che la domenica affolla le chiese, che segue con devozione i santi in processione sia in realtà, in larga parte, una città di falsi. Perchè tutto questo?               Perchè Corato in piccolo rappresenta l’ Italia.

Ogni nostro paese rappresenta in piccolo una porzione di questa nazione. Una nazione fatta di gente che in larga parte non sa pensare. Che invece di comprendere che la colpa di questa crisi viene dall’ alto, dalla grande finanza, dalle banche, dalla politica corrotta, scarica le colpe su chi scappa da zone di guerra, dalla fame, dalla carestia. Un paese fatto di gente che scarica le proprie frustrazione e le proprie perversioni verso una donna, magari schiava, così da potersi sentire maschio e potente almeno in quel momento. Un paese che preferisce che preferisce abituarsi alle morti sul lavoro piuttosto che iniziare a non piegare la testa.

Ma perchè tutto questo? Perchè si preferisce morire o andare via piuttosto che iniziare a dire NO?? Perchè si preferisce scaricare le nostre frustrazioni verso i soggetti più deboli di questa crisi? Perchè in Italia si prediligono sempre gli stessi, soliti carnefici che la distruggono,che la rendono schiava, povera,brutta??                                                                     Queste sono domande che mi martellano la testa da tempo.

Forse la risposta migliore alle mie notti insonni la da il magistrato Roberto Scarpinato, che durante la presentazione di un libro, prima dell’ intervento dell’ autore fa un analisi lucida e  perfetta dell’ Italia ( https://www.youtube.com/watch?v=0Z3PWexTtt8).                         Nel DNA, quindi, nel patrimonio storico-culturale, del nostro popolo è presente un “gene” che in altri paesi, in altre democrazie o è scomparso o è del tutto assente. Questo “gene”, questo fattore culturale, è quella zavorra che noi italiani ci trasciniamo da secoli. Questo “gene” è quello che ci fa essere come siamo, servi, sfruttati, frustrati, cittadini di serie A e di serie B. Insomma un fattore tipico dell’ epoca feudale, in cui vi era il re e la sua casta di vassalli, valvassori e valvassini, di duchi, conti e clero che facevano parte della sua corte. E poi c era la plebe, il popolo, povero, ignorante, sfruttato, che viveva a capo chino nei confronti del re e della sua corte.

Ecco perchè in Italia nulla cambia. Ecco perchè in Italia non siamo capaci d’ indignarci, di sollevarci, di agire come un solo unico popolo, ma di fare tante piccole lotte interne per il becero campanilismo.                                                                                                                           Riusciremo un giorno a cancellare questo gene dal nostro patrimonio? Lo spero.                 La storia di questo paese insegna che la salvezza dell’ Italia è nelle minoranze. Piccole gruppi di uomini e di donne che con forza e con coraggio hanno difeso “UN IDEA DI PAESE” e sono riusciti nel tempo a resistere e a vincere contro gli attacchi dei cosiddetti poteri forti. I partigiani ci sono da esempio.

Quindi a Corato, come nel resto d’ Italia, ovunque voi siate, se state lottando per cambiare lo status quo.Se il potere costituito che vi opprime vi  rende afflitti, impotenti, soli,  non vi preoccupate, vuol dire che avete ragione e riuscirete a vincere.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le minoranze salveranno questo paese

  1. Luigi ha detto:

    “Ora e sempre resistenza”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...