Black out

Ieri sera pioveva tanto,troppo forse.

Lampi, fulmini, tuoni e tanta, tanta pioggia. Per qualche minuti è andata via la corrente, il buoi, il silenzio interrotto solo dagli allarmi scattati per il black out e dai tuoni.                       Il cielo illuminato solo dai forti lampi che per la loro forza rischiaravano il cielo.

Ecco in quel buio, in quel momento, nel silenzio di casa mia, la mia mente è corsa a Gaza.       In quella città, su quella striscia di terra, ogni notte è una notte del genere. I tuoni sono rumori di bombe, il black out è quotidiano e i lampi sono il fragore delle bombe che esplodono.

Ma alla fine da noi la tempesta passa, la luce torna e la vita torna alla sua solita routine.A Gaza no, quando finisce la tempesta si contano i morti,si piangono i propri cari persi e ci si prepara ad un altra notte simile.                                                                                                 Anche questa è routine…ma di morte!                                                                                   Basta!!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...