La speranza che viene dalla Grecia

Alexis Tsipras

Forse nulla è perduto!

Iniziamo con una speranza,l’ ultimo post del 2013 era una semplice e breve elencazione di alcune cifre che più o meno davano l’ idea di come è stato l‘ anno appena concluso.Il 2014 sembra partire sotto una buona stella per la sinistra italiana e anche, si spera, per l’ Italia.

La candidatura di Alexis Tsipras( leader di Syriza) a Presidente della Commissione Europea sta trovando un forte consenso anche qui in Italia.Penso (non mi voglio sbagliare!!) che dalla fine della Prima Repubblica ad oggi,se si esclude le questioni referendarie come ad esempio il referendum sull’ acqua e sul nucleare, mai la sinistra(politica e sociale) si è presentata così unità e compatta nei confronti di una candidatura come questa volta.

La sua candidatura apre grandi possibilità alla sinistra che finalmente può ragionare unitariamente sui problemi che attanagliano questo paese e che hanno come una delle cause la Comunità Europea.

Egli è al tempo stesso non è solo un leader politico, ma anche una speranza.La speranza di tutti i popoli dell’ Europa oppressi dalle banche, dai potentati europei e dalle lobby.Egli rappresenta un simbolo, non solo in quanto proveniente da una nazione simbolo di questa crisi, la Grecia,ma in quanto rappresentante di una generazione( under 40) che ad oggi paga il peso maggiore di questa crisi, in Italia e in Europa.

Insomma la sinistra in italia ad oggi ha tutte le possibilità per poter tornare ad essere forte ma sopratutto credibile.

Penso,personalmente, che oltre alla sommatoria di soggetti politici e sociale che si aggregheranno attorno al nome di Tsipras ci sono tre cose molto importanti da fare:

1)La prima cosa sarà da fare è una massiccia campagna pubblicitaria sul questo nome, perché mentre negli ambienti politici,sopratutto della sinistra questo nome è oramai un nome famigliare,per molti nostri concittadini egli è poco se non un perfetto sconosciuto. Ci toccherà un massiccio lavoro comunicativo, che comunichi finalmente alla gente, speranza, gioia di vivere, positività.Vi prego,dimentichiamoci tutti quanti le campagne tristi e autolesioniste degli ultimo anni!!

2) Penso che se si vuole essere vincenti si deve essere anche credibili. Se Tsipras rappresenta le lotte di una generazione, di un popolo,penso che le liste debbano essere riempite da chi questa crisi la vive costantemente,giovani,precari,rappresentanti dei movimenti di lotta.Insomma diamo spazio a chi mediaticamente è credibile a gli occhi dell’ elettorato.Quindi, ben vengano i segretari di partito,filosofi e intellettuali vari, ma vi prego, questa volta…. un passo indietro.Se veramente costoro ci tengono al bene della sinistra e del paese vi prego di evitare l’ inutile gioco di tatticismo in cui c è la corsa al piazzarsi meglio nella speranza di uscire. Tutto ciò parrebbe patetico agli occhi dell’ elettore che ovviamente non voterebbe la versione europea di Rivoluzione Civile.

3) Questo soggetto sarebbe ancora più credibile se non si da una scadenza ma anzi continua ad esistere.
Penso che l’ esperienza più credibile dal punto di vista del risultato elettorale sia stata negli ultimi anni la “Lista Comunista Anticapitalista” che finalmente vedeva,dopo anni di separazioni, una serie di soggetti aggregarsi.
La lista,alla prima tornata elettorale ottiene il 3,40%.Un risultato non ottimo ma che lasciava ben sperare.Infatti i risultati migliori vennero dopo alle elezioni provinciali del 2011 e a quelle comunali del 2012. La lista che nel tempo si era trasformata da “Lista Comunista Anticapitalista” ad una Federazione della Sinistra, era arrivata ad ottenere prima il 4,07% e poi il 4,29%.
I fatti,come sappiamo, fecero finire quel processo di aggregazione, ma ciò non toglie che a livello di riscontro elettorale questo è stato il risultato elettorale più alto negli ultimi anni di una forza a sinistra del PD.
Penso che ciò che si aggregherà attorno a Tsipras non vada perso dopo la scadenza elettorale, ma anzi deve concretamente gettera le basi per il dopo,per la costruzione di un soggetto nuovo,capace di raccogliere dentro di se non solo partiti, sindacati e movimenti, ma anche quella larga,larghissima fetta d’ italiani che oggi paga il prezzo più pesante di questa crisi.

Con Tsipras, per l’ ITALIA,per l’ Europa,per la SINISTRA. ORA O MAI PIU’.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...