Una mia riflessione sul valore delle primarie e sulla sinistra d’ alternativa

Sento un gran vociare in questi giorni, e uno sciame di voci che dicono cose inutile è un vociare di lingue che conoscono ma parlano un linguaggio che non mi appartiene.Parlano di primarie, leader, voti,di come o cosa votare,di spartizione di potere, di candidature, di lobby.Vedete io sono di sinistra, quella vera, quella più verace, quella che si nausea per queste cose, quella che ancora crede nella vecchia e sana militanza, la mia sinistra e quella che va ad attaccare i manifesti la sera invece di stare al bar,la mia sinistra la trovi la mattina presto nei mercati o davanti alle fabbriche a fare volantinaggio.Sapete qualche mio amico mi da del pazzo, altri dell’ idealista, altri ancora mi domandano chi o cosa me lo fa fare di prendermi tutto questo sbattimento, a tutti loro rispondo sempre con un unica e semplice risposta:”L’IDEA”.Si perchè la sinistra, quella vera,quella che ho conosciuto, vive d’ idee, si nutre di esse, di queste idee che nascono dalla voglia di cambiamento dello status quo, la sinistra che conosco non vive di personalismi o di prime donne, ma nasce, cresce e si sviluppa nella condivisione dei sapere,da questa condivisione,da questa unità fa sintesi e crea una prospettiva politica.In questi giorni invece sento un inutile quanto vomitvole schiamazzo su tutto ciò che è inutile, superfluo.Ritengo (se non si era capito prima ora lo spiego meglio) le primare uno strumento inutile,le ritengo incapaci di costruire un futuro e un esistente diverso,vedo solamente un lotta tra leader di clan, di fazione, di gruppi che provano a spostare pezzi di società, usando semplicemente gli spot, gli slogan.Tutto questo teatrino mi deprime, mi lascia avvilito, dove sono finite le prospettive?Dove sono finiti i programmi?Dove sono finite le idee di cambiamento sociale?Vedete la sinistra che vorrei si pone in antitesi a tutto ciò, innanzitutto deve riaquistare un certo vocabolario, deve ritornare a parlare un certo linguaggio oramai perso dall’ attuale establishement politico.C’ è una parola su tutte che la sinistra deve riaquistare nel suo vocabolario ed è la parola DIGNITA’, verso se stessa e verso il suo popolo. Attorno a questo termine la sinistra deve ricostruire la sua idea d’ ITALIA, come si vuole uscire dalla crisi? Come si vuole distruggere la dilagante corruzione??? Cosa ha in questo momento da dirmi l’ attuale classe politica del Centro-sinistra?Cosa ha da dire  ad una persona,ad esempio,come me o come mio padre(anni di vita consumati in una fabbrica del gruppo finmeccanica,qui nel sud italia),cosa ha da dire l’ attuale classe politica italiana del Centro-sinistra ad una persona che puntualmente ogni giorno vede, clientelismo,nepotismo e forme di collusione di cattivo sindacato e cattiva gestione aziendale?Cosa dovrebebbe dire a me,ad esempio, l’ attuale classe politica del Centro-sinistra?? Io,figlio di un sud che produce cervelli ma anche precarietà,che risposte mi da l’attuale classe politica di riferimento??Nulla,non sa dare risposte,qualcuno balbetta,altri danno risposte grossolane, altri ancora si perdono in voli pindarici.In tutto questo buio,in tutto questo deserto, ci sono delle speranze,delle oasi, che fanno ben sperare.Ad esempio,un paese vicino bari,Bitonto,noto purtroppo ai giornali più per la cronaca che al suo bellissimo centrostorico.Qui la campagna politica è stata una delle più belle che abbia mai visto,non è stata solo costruita su di un sogno, ma sulle idee, sulle prospettive che questa città(come molte al sud possono avere),è stata costruita sui bisogni ma sopratutto è stata costruita dalla società, dalla gente.Si,dalla gente,da quel popolo che stufo di un egemonia politica ha tradotto il suo malessere in voto e il voto in cambiamento,tutto questo è nato senza primarie senza passaggi inutili, senza voler chiedere consenso ai cittadini, perchè chi riempiva le sedi dei partiti non erano monadi, ma cittadini che vivono in questo paese,che capivano quali erano i problemi di questo o di quel settore e che tramutavano questo malessere in cambiamento.Io invito tutti quanti voi,popolo della sinistra,ad analizzare ed a prendere come esempio un caso simile.Perchè qui la sinistra(quella vera) ha avuto la capacità di rompere,di farsi forza e di costruire un altra idea di società,diversa,plurale,lottando contro i poteri forti ma sopratutto contro le mafie.Io penso che se la sinistra, quella a livello nazionale sia capace di costruire società,ma sopratutto sia capace di costruire un alternativa credibile,cioè capaci di costruire un “IDEA” di stato diversa da quella imposta dalla dialettica pd-udc-pdl(insomma sia capace di prendere esempio da tanti casi locali come Bitonto)partendo dagli umori della cosidetta pancia del popolo della sinistra,cioè tematiche sensibili al suo popolo come lavoro,ambiente,salute,ma anche affrontando tematiche più spinose come bioetica,sanità,sicurezza(e altro) in cui volente o non volente una giunta sia essa comunale o nazionale si deve confrontare.Quello che chiedo, Cara SINISTRA è una linea, un tuo essere capace,in maniere del tutto unitaria di affrontare le sfide di oggi, ti chiedo di essere attuale,critica, coinvolgente ma sopratutto antisistema, perchè oggi più di ieri il tuo popolo( e non solo) vuole solo una cosa una  UN SOGNO REALE, per favore aiutamolo, iniseme a crearlo, per un altro mondo possibile.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una mia riflessione sul valore delle primarie e sulla sinistra d’ alternativa

  1. Savino Percoco ha detto:

    Il problema non sono le primarie … anzi … se gestite correttamente, sono un’ottimo strumento di democrazia, la verità è … che la sinistra, quella verà, quella di un tempo, fa paura!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...